Logo certificazione Family Audit          Logo certificazione ISO 9001 OHSAS 18001

Tu sei qui

Modello organizzativo d.lgs. 231/2001

STET S.p.A. ha adottato un proprio Modello di Organizzazione Gestione e Controllo (MOG) ai sensi del d.lgs. n. 231/2001. Ciò allo scopo di assicurare, mediante l’istituzione di una serie di protocolli interni, la legalità delle condotte poste in essere dagli esponenti aziendali e la prevenzione di eventuali reati individuati nel citato d.lgs. 231/2001.
Forma parte integrante del MOG il Codice Etico, documento di autoregolamentazione dei principi e comportamenti cui tutti gli esponenti aziendali devono attenersi nelle relazioni sia interne che con i terzi.
Sono destinatari del Codice Etico gli Amministratori, i dirigenti, i dipendenti, i consulenti esterni, i fornitori in quanto operino per conto della Società.
STET S.p.A. ha inoltre istituito un proprio Organismo di Vigilanza (ODV), cui ha affidato il controllo sul funzionamento e l’osservanza del MOG da parte dei suoi destinatari.

Segnalazioni di condotte illecite o violazioni del Modello (Whistleblowing)

In ottemperanza alle modifiche apportate all’art. 6 del D.Lgs. 231/01 ad opera della L. 179/2017, la Società intende tutelare i lavoratori dipendenti e gli altri Destinatari del MOG che segnalano reati o irregolarità di cui siano venuti a conoscenza per ragioni di lavoro, a tutela dell’integrità della Società. La divulgazione non autorizzata dell’identità del segnalante, oppure di informazioni in base a cui la stessa si possa dedurre, è considerata una violazione del MOG, con conseguente attivazione del Sistema disciplinare previsto dal MOG stesso.

Le modalità per effettuare le segnalazioni e le regole alle quali attenersi sono riportate nella procedura P_QS_35 “Segnalazione di illeciti – Whistleblowing” e relativi allegati, che formano parte integrante del MOG, ed ai quali si rinvia integralmente.
Il soggetto deputato alla ricezione, istruttoria e decisione in merito alle segnalazioni è l’OdV, il quale è tenuto agli obblighi di tutela del segnalante previsti dalla norma sopra riportata. L’OdV è tenuto ad informare tempestivamente il Responsabile per la Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza, qualora le segnalazioni possano riguardare la competenza di quest’ultimo